Treviso vs Parigi: l’incontro alternativo


Warning: mysql_get_server_info(): Access denied for user ''@'localhost' (using password: NO) in /home/oldruggers/public_html/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

Warning: mysql_get_server_info(): A link to the server could not be established in /home/oldruggers/public_html/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

“Bonjour, Je suis Bertrand.
Je joue au rugby sur Paris dans une équipe de vétérans (30/35 ans minimum) de niveau très rugby plaisir. Le nom de notre équipe est Virage des Dieux. Nous sommes à l’origine une équipe venant d’un groupe de supporter du Stade Français.
Nous venons avec les supporters du Stade Francais le we du 12 décembre voir Stade Francais – Trévise.
On souhaiterait pouvoir jouer un match le samedi matin contre une équipe du meme niveau et même état d’esprit que nous. Serais tu intéresse? es-ce possible?”
Da questa semplice mail, la cui traduzione risulta abbastanza semplice anche ai meno esperti in francese, nasce una nuova e piacevolissima esperienza per gli Old Ruggers, un gemellaggio con i cugini d’oltralpe supporter dello Stade Francais.
E dove si può celebrare al meglio questo evento se non a casa nostra nei campi di Silea?

IMG-20151212-WA0008
La giornata di sabato inizia di prima mattina con il servizio taxi, sei macchinate Old Ruggers scortano i parisiens dalla stazione treni ai campi di Silea, non senza una tappa intermedia per fare degustare agli ospiti il nostro miglior caffè espresso, in un locale familiare ai francesi, il bar/pizzeria Nuova Parigi… nulla è lasciato al caso.
Gli Old Ruggers presenti al campo ad accogliere i cugini francesi sono ben 29, pochi voglion perdere l’opportunità di confrontarsi e festeggiare con loro. I parigini son però in 13, ma non ci sono problemi, dalla loro hanno la media d’età bassa (sui 30 anni) e la disponibilità d’aiuto di molti dei nostri.
Alla coppia di allenatori Gasparini/Bettiol si aggiunge per l’occasione alla direzione della squadra il coach della rappresentativa CORV, Daniele Battagin, alla ricerca di spunti per preparare la partita che vedrà contrapposti a marzo a Dublino i Corvarians contro i veterani della squadra locale Irlandese. Alla richiesta a lui fatta di descrivere l’incontro il nostro Conte Batta appunta:
“Questo non è un sabato qualunque, l’incontro tra Old Ruggers e Old Stade France è stato molto sentito. I protagonisti hanno messo in campo tecniche diverse, i primi basate sul cuore e l’orgoglio, i secondi sul fisico e il gioco alla mano “champagne”. All’inizio della partita sembrava che il gioco si pareggiasse, ma una volta emersa la potenzialità della mischia e l’alternarsi dei numeri dieci messi in campo dai padroni di casa, gli Old Ruggers andavano in meta ben cinque volte con una sola metà a favore dei ospiti francesi. Nonostante il risultato, e’ stata una buona partita che ha dato, grazie agli amici francesi, validi insegnamenti e spunti per lavorare e migliorarsi. Quello che possiamo augurarci è di incontrarci nuovamente per una giornata all’insegna del rugby, ottima salutare medicina per tutti gli Old”

IMG-20151218-WA0008

gagliardetto donato ai francesi
gagliardetto donato ai francesi

Da annotare la prestazione notevole del nostro Presidente, che per l’ennesima occasione va in marcatura doppia. Conferma anche per il nostro Paolino Rocca che con le sue due mete insidia il posto di capocannoniere al nostro Sten. Importante in particolare una delle due mete di Paolino, che a tutti gli effetti deve condividere con Thomas, il quale generosamente, per avere la sicurezza della segnatura, ha scaricato la palla a Paolo dopo aver aggirato vari avversari e potendo potenzialmente segnare egli stesso la meta. Bravo Thomas, massima dimostrazione dello spirito rugbystico.
Un ringraziamento particolare va a tutti gli Old Ruggers che si sono prestati ad indossare, la maglia dei parigini, anche questa è dimostrazione dello spirito del rugby Old.

Batta consegna il Cappello MdM al nostro Ettore
Batta consegna il Cappello MdM al nostro Ettore

Beh, neanche a chiedere se c’è stato un terzo tempo, la cosa è scontata. Pranzo prelibato in casetta Silea, vino, birra, canti, scambio di doni, assegnazione meritatissima del titolo e cappello “Man de Merda” al nostro Ettore. I festeggiamenti son poi continuati scortando i francesi in casetta Tarvisium per qualche birra prima della visione della partita Benetton – Stade Francais…. Il cui risultato è stato in netto contrasto al nostro.
Bravi Old Ruggers e grazie agli amici del Virage des Dieux

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *