RIECCOLI DI NUOVO (di Gianni Fasetta Riccò)


Warning: mysql_get_server_info(): Access denied for user ''@'localhost' (using password: NO) in /home/oldruggers/public_html/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

Warning: mysql_get_server_info(): A link to the server could not be established in /home/oldruggers/public_html/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

IMG-20151130-WA0002

Annuntio vobis gaudium magnum habemus de novo i Ruggers… poco, tanto, troppo Old Ruggers.
Finalmente, nella tana delle Ombre Rosse (nome che evoca suggestioni da frontiera in realtà più prosaicamente bacchiche) siamo tornati ad essere quel che eravamo. Cosa? Mah… ma cominciamo dall’inizio.

Si festeggia il ventennale delle Ombre appunto, che dovrebbe iniziare con un festoso ritrovo con i padroni di casa che, probabilmente timorosi degli effetti dell’happy hours disertano, lasciando Guz, Borse, el Cico e Thomas a sbocconcellare (sarà…) due (sarà…) panini onti e quattro o cinque bottiglie di acqua minerale. O no… beh, il parco pasto farà sin tardi nello sportivo meriggio, il suo porco effetto.

Giornata fredda ma bella ed il Borse riscuote una taglia più alta per la lieta occasione, (no, non l’happy hours…)

Vero e proprio esodo di magliette rosse, ben 31 presenti più il Fasetta, che spia l’occasione per mettersi l’uniforme, unirsi al gruppo e gettarsi in mischia con la mischia quel tanto che basta per poter poi dare forfait per il riacutizzarsi di questo o quello… mah, il disagio di esser quello che non si vorrebbe essere… ben, allora torniamo alla dura realtà e facciam gli esattori: l’ordine del Borse è perentorio, prima i soldi e poi si saluta.

IMG-20151130-WA0009

All’arrivo del Paolino Rocca, giovine old, una signorina (una figa, una fanciulla, una porsea, un’educanda, il medico?) si mette a disposizione. Dopo una rapida valutazione (educanda?) Paolino afferma deciso di essere in buona salute, ed il Nene le chiede la liberatoria per la privacy con annesso numero di cellulare ed autografo (figa?): più tardi, ad onore delle sue doti taumaturgiche, resusciterà Frankino DJ (porsea?) che a seguito di un rendez vous con un lidense veloce e sovradimensionato, sembrava tirar gli ultimi.

IMG-20151130-WA0016IMG-20151130-WA0017IMG-20151130-WA0018

La parola al campo.

Mentre il Gas da il via al riscaldamento (si, col freddo ci stava il falò, ma siam atleti ) si fronteggiano tante Ombre e pochi Kankari tanto Kankari.

Inizio Ombroso, ma poi i lidensi escono fuori e , seppur per il rotto della cuffia, portano a casa la vittoria.

IMG-20151130-WA0013

Nota del fotografo: dallo vs sinistra, San Giuseppe, la testa de uno che no se fa i cassi sui, Gesù bambino dopo l'età scolare, la Madonna con berretto, l'asinello e, come sempre in ogni rappresentazione, il buello
Nota del fotografo: dallo vs sinistra, San Giuseppe, la testa de uno che no se fa i cassi sui, Gesù bambino dopo l’età scolare, la Madonna con berretto, l’asinello e, come sempre in ogni rappresentazione, il buello

Entriamo in campo noi e concludiamo i festeggiamenti alle Ombre, suonandoli a nostra volta… Sten e Frankino a “tabellino”, tutti gli altri sugli scudi, Fasetta incluso che promosso mister sostituto e sostituente, se incasina la vita ascoltando altrettanto improvvisati team managers.

Arriva quei kankari dei Kankari, nostre bestie nere. Oggi però è tutta un’altra storia, teniam botta al Botte e ci diam dentro, con uno Sten straispirato che si inventa due mete stratosferiche, Nestore l’africano gran regista insostituibile, Plasmon odierno “man de merda”, Paolino Rocca che alterna grandi placcaggi a legnate e duelli rusticani che ne legittimano la fama el il blasone di “carogna honoris causa”, quel maiale di Frankino, Cene autore di una performance notevole, “faccia d’angelo” che pesta come un fabbro, Black ed il Guru che esordiscono giocando e menando a lor volta, alla grande come i veci, la mischia tutta eroica e arrembante e sti altri che non nominemo, a parte el Puma e Piero solo perché, casso, basta cussì. Anzi no… Maurizio (el) Furlan. Biathleta, triathleta, Variegato per caso, nuovo gran maestro della regola rugbystica, al termine di una possente penetrazione nella linea difensiva nemica, traeva a se cinque metri prima l’area di meta che, ignara, l’attendeva cinque metri dopo…

Finita in gloria comincia la festa.

IMG-20151128-WA0008

E lì veniam blanditi da Movember e da grandi cause che le grandissime Ombre, tra un rosso (insomma, uno…), una birra e spettacoli di arte varia, promuovono a getto continuo, e nonostante il discreto tasso di analfabetismo (di ritorno, ma anche di andata, e di andata e ritorno), comperiam svariate copie di un libro che sol pochi leggeranno, al cesso, mentre altri al cesso ne faran spessore.

Consiglio per e sull’acquisto fatto… un personaggio letterario usava le pagine dei libri per accendere il fuoco nel caminetto, noi in una nelle nostre tante feste del maiale…
Poi il freddo…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *